Benvenuti al website della Associazione della Gioventù Mussulmana Ahmaddiyya Italia   " Le nazioni non possono essere riformate senza una ri-formazione della gioventù."Hazrat Khalifatul Massih II (possa Allah compiacersi di Lui)

 

 

Gesù

English Version

" Le dieci tribù di Israeliti che 721 anni prima di Cristo erano state fatte prigioniere in Samaria da Shalmaneser, re degli Assiri, erano state portate via da lui. Alla fine queste tribù arrivarono in India e si stabilirono in varie parti di quel paese. Gesù, in ogni caso, deve aver fatto questo viaggio; poiché lo scopo divino, che era la causa profonda della sua venuta, era che egli dovesse incontrare gli Ebrei perduti che avevano colonizzato varie parti dell'India; la ragione era che queste, in verità, erano le pecorelle smarrite di Israele che, in quei paesi, avevano rinunciato anche alla loro fede ancestrale , e la maggior parte dei quali avevano adottato il buddismo, ricadendo, pian piano, nell'idolatria: Il Dott. Bernier , su incarico di un certo numero di persone colte, nel suo Viaggio stabilisce che gli abitanti del Kashmir in verità sono degli Ebrei i quali, al momento della dispersione al tempo del Re degli Assiri, erano emigrati in questo paese.
Ad ogni modo Gesù (sia pace su di lui) dovette necessariamente scoprire dove si trovassero queste pecorelle smarrite, le quali, venendo in questo paese, l'India, si erano mescolati all'altra gente. Io addurrò ora la prova che Gesù (sia pace su di lui) è effettivamente venuto in India e poi, per gradi, è arrivato nel Kashmir; e che ha scoperto le pecorelle smarrite di Israele in mezzo a della gente che professava la fede buddista; e che queste persone alla fine lo accettarono , proprio come il popolo del profeta Gionata aveva accettato Gionata . E questo era inevitabile, perché Gesù aveva detto esplicitamente che era stato mandato per le pecorelle smarrite di Israele." ( "Gesù in India" primo capitolo )

 

 

©Associazione della Gioventù Mussulmana Ahmadiyya Italia
Per ulteriori informazioni contattare info@khuddamulahmadiyya.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

aasdasdas